Protezione Civile e Ambientale

Fondazione Prato Ricerche

Link amici

Home page - Fondazione Prato Ricerche - Statuto (estratto relativo al CESPRO)
 19-Mag-2005   Stampa la pagina corrente   Mostra la posizione di questa pagina nella mappa

Statuto (estratto relativo al CESPRO)

Istituto per la ricerca ambientale e la mitigazione dei rischi

Art. 1 - Costituzione, denominazione, fondatori
E' costituita, per iniziativa della Provincia di Prato, della Fondazione Pro Verbo e dell'Università degli Studi di Firenze, ai sensi del Codice Civile, una Fondazione denominata "Prato Ricerche".

Art. 3 - Scopo
1. La Fondazione non ha fini di lucro e, ispirandosi ai principi democratici della Costituzione Italiana, dei trattati della Comunità Europea, alle finalità della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo e di Agenda 21, ha per scopo lo sviluppo della ricerca scientifica di base ed applicata, della formazione e della cultura, negli ambiti afferenti alla Fondazione, nonché l'implementazione di tecnologie innovative che apportino in modo diretto o indiretto un miglioramento delle condizioni di vita delle persone.
Tra gli scopi istituzionali della Fondazione rientrano anche quelli di favorire la costituzione e lo sviluppo, con particolare riguardo al territorio della Provincia di Prato, di istituzioni educative, sociali, culturali ed artistiche, e la collaborazione con istituzioni universitarie.
La Fondazione persegue scopi scientifici in particolare nei seguenti settori: monitoraggio ambientale (sismometrico, accelerometrico, meterologico); ambito della geologia, geofisica, mineralogia, petrografia, ecologia, scienze ambientali, rischi naturali ed indotti da attività antropica; protezione civile, ed in particolare elaborazione di piani; applicazioni informatiche avanzate; predisposizione di cartografie tematiche.

Art. 4 - Attività
1. La Fondazione potrà svolgere una o più delle attività coerenti con i propri scopi, ed in tale ambito:
Ricerca scientifica e tecnologica, di base o applicata, con particolare riferimento:

  • alla promozione e sostegno finanziario alle attività di ricerca;
  • alla promozione e allo svolgimento di attività integrative e sussidiarie alla ricerca e alle sue ricadute anche formative;
  • alla promozione e supporto delle attività di cooperazione scientifica e culturale degli enti di riferimento con istituzioni nazionali ed internazionali;
  • alla promozione ed attuazione di iniziative a sostegno del trasferimento dei risultati della ricerca, della creazione di nuove imprenditorialità originate dalla ricerca ai sensi dell'articolo 3, comma 1, lettera b), n.1) del decreto legislativo 27 luglio 1999, n. 297, della valorizzazione dei risultati delle ricerche, anche attraverso la tutela brevettale;
  • al supporto ed all'organizzazione di stages e di altre attività formative extra-universitarie, nonché ad iniziative di formazione a distanza;
  • al supporto ed all'organizzazione di scambi culturali con altri soggetti, italiani o stranieri;
  • allo studio di processi di sviluppo sostenibile e di utilizzo ecocompatible delle risorse;
  • agli studi di sviluppo tecnico-scientifico e di protezione civile ed ambientale anche nei Paesi in via di sviluppo o in aree economicamente e socialmente depresse.

Nell'ambito delle attività di ricerca scientifica di base ed applicata, la Fondazione svolgerà attività nei seguenti settori:

  • scienze botaniche e faunistiche;
  • scienze ambientali;
  • scienze agrarie e forestali;
  • scienze biologiche e geologiche;
  • scienze planetarie;
  • museologia e museografia;
  • conservazione e tutela dei beni culturali;
  • pianificazione e gestione del territorio e delle sue risorse;
  • applicazioni informatiche avanzate;
  • protezione civile ed ambientale;
  • studio delle condizioni di rischio;
  • sanità pubblica;
  • medicina delle catastrofi.

2. La Fondazione curerà inoltre lo sviluppo di strumenti conoscitivi, in supporto alle attività previste, quali:

  • la biblioteca tecnico-scientifica denominata "Centro di Documentazione di Protezione Civile ed Ambientale";
  • la rete sismometrica denominata "Rete sismometrica dell'Appennino Settentrionale" ed inserita in un settore operativo la cui denominazione verrà conservata in "Istituto Geofisico Toscano";
  • il Centro di Ateneo per la Ricerca, Trasferimento ed Alta Formazione nell'ambito dello studio delle condizioni di rischio e di sicurezza e lo sviluppo di attività di protezione civile ed ambientale (CESPRO);
  • un "Centro di tecnologie multimediali applicate alla Museografia ed ai Beni Culturali";
  • la pubblicazione di riviste, libri e di altro materiale di studio e di divulgazione culturale, artistica, tecnico-scientifica e professionale.

Art. 5 - Disciplina del rapporto con l'Università
L'Università degli Studi di Firenze, mediante il CESPRO, partecipa alla fondazione attraverso la formulazione e l'attuazione del programma scientifico, la formulazione e la gestione di progetti di ricerca nonché attraverso iniziative formative (corsi di Alta Formazione).

 
Home page - Fondazione Prato Ricerche - Statuto (estratto relativo al CESPRO)

Viale Pieraccini, 6
50139 Firenze (FI)

telefoni - fax
email - PEC

|sedi - mappe

Marsilius - Motore di ricerca dell'Ateneo Fiorentino - logo
 
- progetto e idea grafica CSIAF - contenuti e gestione a cura del Centro - Responsabile Tecnico del sito